← Techstars Blog

Si è tenuta ieri pomeriggio presso Palazzo Guerrieri di Brindisi la Sfida delle Idee, una competizione a colpi di presentazione dei progetti di 7 team composti da 45 menti brillanti, i quali per tre giorni hanno sperimentato momenti di condivisione, formazione ed elaborazione di idee di business originali e innovative, grazie al supporto di mentor eperti, ed attingendo conoscenze, esperienze e competenze da imprenditori locali partners dell’evento. Le sette startup presentate dai vari team in occasione della Sfida sono state votate da una giuria composta da: Roberto Covolo (Assessore Politiche Giovanili e Programmazione Economica del Comune di Brindisi), Vincenzo Apollonio (Coordinamento gestori imprese Banca Popolare Pugliese), Sebastiano Leo (Assessore Formazione e Lavoro Regione Puglia), Marco Cataldo (Presidente Officine Cantelmo), Giovanni De Caro (Fondi di Investimento e Business Developer).

I primi tre classificati hanno vinto occasioni di formazione ed affiancamento con partner importanti: 1 mese di incubazione presso Molo 12 Coworking Space, corsi di Digital Marketing dell’Academy Marketers, quali Facebook Advanced, Copymastery e Funnel Secret.

Un grande in bocca al lupo dell’Assessore della Regione Sebastiano Leo ha dato inizio alla gara: “partecipo volentieri a tutte le iniziative di questo tipo in quanto credo davvero che è esperienze come questa servano alla crescita e a dare una spinta maggiore verso l’innovazione e la crescita delle capacità dei giovani e quindi del territorio. Grazie per avermi messo in Giuria, ma sappiate che a prescindere dalla mia valutazione per me hanno vinto tutti”.

Ecco le 3 idee vincitrici della prima edizione di Startup Weekend Brindisi!

La 1° Classificata è Sport&Go, format che organizza eventi sportivi outdoor con silent workout, jumping e zumba fitness, e giochi non convenzionali quali quidditch, bubble soccer, flag football e corsa con i sacchi per bambini. Preziose sono le partnership con le istitituzioni del territorio per usufruire e valorizzare l’utilizzo delle aree pubbliche. I premi vinti comprendono un mese di incubazione presso MOLO12 Coworking Space, e 3 corsi MARKETERS per tutti i componenti del team. 

Al 2° posto invece si classifica Leggere Libri, piattaforma che offre l’opportunità ai lettori di avere uno spazio social interattivo e di creare occasioni di incontro fisico e virtuale, e sconti sui libri.

Premio Vinto: secondo premio e mentorship con Mario di Girolamo Business Developer di AccioBooks.com

Idea di valore grande tanto da meritare il 3° posto è Tailorize, una soluzione tramite App e algoritmo che permette ai clienti che desiderano acquistare online capi di abbigliamento artigianali e su misura di prendere le misure esatte con l’ausilio della triangolazione tramite fotogrammetria. Terzo premio vinto “Corso Copymastery”.

Giovanni De Caro interviene: “Con grande piacere vi confido che non ho mai visto idee di valore così alto in tutta la mia esperienza di Giudice presso gli Startup Weekend delle varie città ai quali ho partecipato”. 

In un bellissimo e genuino clima di ammirazione e soddisfazione dato dalla qualità dei progetti, la Giuria e gli Organizzatori dell’Associazione The Qube Brindisi hanno deciso di assegnare meritatamente premi ad ogni team. E quindi, in base alla classifica si annoverano:

Al 4° posto il progetto PuzzleParty, che consiste in un’app che crea un matching tra coloro che vogliono organizzare feste private e tutti i fornitori di un servizio o prodotto necessario alla realizzazione della stessa, ed ha ricevuto come “SPECIAL PRIZE” la Mentorship De Caro.

Al 5° posto SEWAGE Control & Transformation che mira a ripulire il mare dalle acque reflue attraverso il riciclo delle acque reflue delle navi. Tutto ciò è attuabile filtrando tali acque e trasformandole in prodotti finiti quali biogas, idrogeno e ossigeno. Lo scopo è di vendere lo smaltimento finale ad un costo più basso e meno dannoso per l’ambiente.

Questa idea verrà introdotta nella Rete Mediterranea un progetto appena nato per tracciare una linea di continuità e collaborazione verso tutti gli attori interessati allo sviluppo delle idee imprenditoriali.

Un’app che ci porta a tavola, è quella al 6° posto dal nome Last MenuEat, che permette ai ristoratori di semplificare il sistema di prenotazione dei tavoli, riducendo i posti vuoti in sala. Nello specifico, consiste in un’interfaccia utente che permette ai clienti dei ristoranti di prenotare il tavolo più vicino in base alle proprie esigenze e preferenze (ad esempio, i lavoratori potranno acquistare pasti pronti ad un orario prestabilito), garantendo, inoltre, ai ristoratori una turnazione dei tavoli più veloce negli orari di punta. Questa bella idea ha ricevuto la Honorable Mention e beneficerà della formazione di The Qube.

Al 7° posto HomEmotion è l’idea di realizzare un ostello mobile mediante dei container che segue gli eventi e fiere plurigionaliere su tutto il territorio nazionale. Lo scopo è offrire in totale 40 posti letto, con, in aggiunta, la possibilità di effettuare itinerari turistici in attesa dell’evento.
Anche questa sarà introdotta nel progetto Rete Mediterranea.

Si ringraziano fortemente l’Amministrazione locale e gli sponsor della Banca Popolare Pugliese, Agenzia Assicurativa Perin Srl, Agenzia di Comunicazione BriefMe, e Startup4School Srl.

Le parole del Sindaco di Brindisi Riccardo Rossi: “L’augurio è quello di aver condiviso con voi la visione di quello che sarà lo Smart Lab, un incubatore di progettualità innovative in connessione con i bisogni della comunità, in favore della città di Brindisi. Oggi abbiamo toccato con mano il capitale spesso invisibile della nostra città, i giovani, ad ascoltarli anche l’assessore alla Formazione e Lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo. Rovesciare il paradigma si può, ripartire dal basso, dalle idee, dalle persone, mentre in parallelo le istituzioni garantiscono le infrastrutture. Il nostro impegno è quello di rispondere, trovare risorse e spazi per la formazione, l’università e gli incubatori di buone pratiche.”

Tutte le foto sulla pagina Facebook
Raffaella Ferreri Raffaella Ferreri